Post Fissato In Alto

REGIME DEMOCRATICO 2.0 condito con l'olio di ricino dell'ottimismo

QUANDO SI CALPESTA LA VOLONTA' POPOLARE DI 27.000.000 MILIONI DI ITALIANI, LA DEMOCRAZIA NON ESISTE PIU' ..... SI CHIAMA REGIME DEMOCRATICO, STATO DI POTERE O PEGGIO; DITTATURA.

http://www.beppegrillo.it/…/parlamento/pdf/5G5S_18.03.16.pdf

venerdì 28 ottobre 2016

Quelli che …… abboccano all’alibi razzista.



Jannacci cantava: Quelli diversi dagli altri.

Io, una mia idea me la sono fatta ….. Il razzismo non esiste. E’ un’appropriazione indebita di un termine scientifico. E’ una imposta costruzione mentale. …Un alibi per legittimare prevaricazioni e violenze …..Al che. Quelli della lega, diranno …. “Ma che Cazz dici !!! .......La colpa è dei rifugiati e di quelli che non hanno voglia di lavorare a casa loro” …..Ma io non la penso come la lega……Il razzismo è una presa per il culo preconfezionata. Esistono persone in difficoltà, di razze diverse e colori della pelle differenti. Bianchi neri o mulatti. Il razzismo è una creatura strategica, serve a creare conflitti sociali, come l’isis.…..  

Cadere nel tranello della lotta tra poveri, significa fare il gioco dell'1%, quando invece, Noi e Loro (gli extra), siamo parte del 99%.
   
Reazioni istintive -della serie daje allo straniero- sono comprensibili. Può succedere. Fa parte della fregatura architettata ad hoc. Spesso perdiamo di vista chi ci opprime veramente, dimenticando l’aforisma di Malcolm X (vi faranno odiare le persone che vengono oppresse)…..  Il nemico (io credo) QUELLO VERO, non rischia la pelle su un barcone, non è costretto ad abbandonare forzatamente famiglia, figli e vita quotidiana. Non accetta di portare i nostri abiti usati. Non scappa dalle guerre o dalla fame …...  il nemico, QUELLO VERO, vive al disopra delle esistenze di milioni, forse, miliardi di persone, tirando le fila agli esecutivi (governi degli stati) che praticano la tirannia su commissione. Favorendo o incentivando le disuguaglianze sociali. …… No, allo statalismo del tutti uguali, ma anche NO, all’egemonia soffocante dell’1%. …… Credo che la mossa migliore che le società futuribili possono mettere in pratica, sia quella di comprendere che le migrazioni di massa fanno parte di uno schema preciso. Non si tratta di complottismo. Ma di pratiche consolidate nei secoli dei secoli. L’alternanza tra periodi di pace, di crisi e di guerra, sono lì a testimoniarlo nel tempo. Questi dell’1%, lo sanno bene che se destabilizzi un territorio, con una guerra o una pilotata crisi economica, gli abitanti di quel luoghi, scappano a gambe levate, per salvare se stessi e i loro cari, mentre l’1%, fa indigestione di risorse naturali e proprietà. Chi oggi, in Italia, fa le barricate o scende in piazza contro le epocali migrazioni di massa, doveva incazzarsi per tempo, -solo per fare un esempio-  quando uccidevano Ilaria Alpi e Miran Hrovatin in Somalia. Ma allora pochi o nessuno protestò. Tutti si fecero beatamente gli affaracci loro. A nessuno sembrava importare nulla di ciò che accadeva nel corno d’africa, di quante vagonate di rifiuti tossici venivano scambiati per delle armi. L'1% nazionale, allora, impartì l’ordine esecutivo e continuò a ridacchiare, annoiandosi tra festini e riunioni d’affari.

Morale: gli immigrati, bianchi e neri, (afgani, siriani, nigeriani) sono veramente nostri nemici ? ……  O possono essere considerati quella massa critica che ci mancava per rompere un pò le palle all’1% italiano ed europeo ?

Massa critica:….. in sociologia …. “una rivoluzione sociale è possibile solo dopo che una quantità "critica" di supporto popolare sia assicurato ai movimenti di contestazione” …. Se ne deduce che: o sono con Noi (gli immigrati) a fare massa critica, oppure finiranno per essere contro di Noi. ….. Come conseguenza avremo il 99% contro se stesso….. mentre, i cravattari moderni, i farisei dei centri di potere, quelli che ci vogliono eternamente divisi e continuamente in lotta tra di Noi …… Ringraziano.


 
 
 
 

Versione originale

Versione 2006



lunedì 24 ottobre 2016

NON PASSA IL TRATTATO CETA : UE-CANADA ?



Buona notizia o cattiva notizia ? .......... Ottima notizia !!!
La prima riflessione che viene spontanea è: Senza dittature della maggioranza, le questioni vengono contrattate includendo in modo più ampio, la volontà popolare (per questo serve il NO al referendum che propone l'oligarchia dell'esecutivo)....... Qual’è il vulnus negativo di questi trattati commerciali internazionali ?...... Semplice ...... Vogliono imporre il superamento delle sovranità nazionali. ..... Questo un passo delle motivazioni poste dal movimento 5 stelle, al perché, dire NO, ai trattati CETA e TTIP.

"............composizione delle controversie ......Questa tipologia di risoluzione delle controversie è stata frequentemente usata da multinazionali per eludere le normative nazionali a protezione dei cittadini, della salute e dell'ambiente, attraverso il ricorso a procedure di arbitrato internazionale, scavalcando di fatto l'ordinario sistema giudiziario nazionale...... "

Credo che queste motivazioni siano le ragioni del 99% dei cittadini a spasso per la UE………Come appartenete alla quota del 99%, capisco, ma contrasto apertamente, gli interessi ristretti di quell'1% rappresentato da multinazionali e centri di potere finanziario. La sovranità degli stati nazionali, tesa a proteggere i valori di un commercio etico e sostenibile, non deve mai essere messa in discussione.

Facciamo parte del 99% .... SI !!! .... Difendiamo i nostri interessi, che coincidono con quelli del pianeta che ci ospita.



Il Canada abbandona i negoziati con la Ue dopo il no della Vallonia
http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2016-10-21/il-canada-abbandona-negoziati-la-ue-il-no-vallonia-170643.shtml?uuid=ADx3T5gB&refresh_ce=1

 
Trattati: mozione M5S per evitare favori alle multinazionali
http://www.movimento5stelle.it/parlamento/2014/05/trattati-mozione-m5s-per-evitare-favori-alle-multinazionali.html 



domenica 16 ottobre 2016

il PARTITO DELLE ARMI.



Non si capisce più nulla.... o è tutto troppo chiaro ? ..........Tutti contro tutti ...... l'importante è che ci siano conflitti sparsi ovunque ..... l'importante è vendere delle armi.......in Yemen gli americani sostengono la coalizione a guida saudita...... mentre in Iraq, i sauditi supportano l'isìs sunnita....  nemico degli americani.....e in siria, gli americani supportano i curdi che lottano contro l'alleato storico turco, che però è anche alleato con Putin, ma che è anche membro della NATO ..... e lotta contro l'isis, ma gli vende le armi..........I Russi, supportano tutte le battaglie in nome della difesa dei loro confini geografici e di influenza. Sostanzialmente si rinnova per loro, il duello di sempre. La lotta contro l’imperialista americano strabordante e i suoi combattenti per procura, sparsi sui confini russi ..........  Forse quello che sfugge a tutti gli analisti delle vicende geo-politiche, o che ci nascondono di proposito   ......è che chi vince sempre e ovunque, in tutti i conflitti, dovunque si trovino, indifferentemente dai contendenti .....  E' IL PARTITO DELLE ARMI……non sono i russi non sono gli americani, non sono quelli dell’isis, non sono i sauditi, non sono i curdi, non sono i siriani, non sono gli afgani………. IL NEMICO VERO, quello numero uno, per la pace nel mondo ….. è il PARTITO DELLE ARMI, ovunque esso sia. Ovunque esso si nasconda…….Non importa chi sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti …… Il Miliardario ha dichiarata apertamente la sua passione amorevole per le lobby delle armi. L’altra, quella del clan dinastico, ha operato con i fatti per favorire l’aumento sostanziale del loro fatturato.
A vincere non saranno i repubblicani o i democratici ….. sarà il PARTITO DELLE ARMI.